SEI IN > VIVERE VARESE > ATTUALITA'
comunicato stampa

In Prefettura la riunione dell’Osservatorio provinciale sulla sicurezza stradale

3' di lettura
16

Il 16 aprile scorso, con inizio alle ore 10.00, si è tenuta, presso la Sala Consiliare della Provincia di Varese una riunione dell’Osservatorio Provinciale sulla Sicurezza Stradale, presieduta dal Prefetto Salvatore Pasquariello.

Erano presenti i rappresentanti della Regione Lombardia, della Provincia, della Questura, del Comando Provinciale dei Carabinieri, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, della Sezione della Polizia stradale di Varese, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, delle Polizie locali dei Comuni di Varese, Busto Arsizio, Gallarate, Saronno, Luino, Caronno Pertusella, Cassano Magnago, Malnate, Samarate, Somma Lombardo, Sesto Calende e Tradate, dell’ANAS, della Società Autostrade per l’Italia, di Autostrada Pedemontana Lombarda e dell’Automobile Club di Varese. Durante l’incontro sono stati trattati diversi argomenti. Inizialmente sono stati presentati, da parte del Dirigente della Sezione di Polizia Stradale di Varese, i dati estrapolati dal nuovo applicativo denominato “serbatoio informativo unificato “INC”.

Il sistema consente di acquisire, in misura speditiva, tutte le informazioni relative ai sinistri occorsi in ambito provinciale rendendoli, in tempi rapidi, disponibili all’Osservatorio provinciale per l’incidentalità. Nei primi tre mesi di quest’anno risultano essere stati inseriti nel data base - implementato oltre che dai dati provenienti dalla Polizia Stradale e dalle pattuglie della Polizia di Stato e dei Carabinieri in servizio di vigilanza sul territorio, anche dalle Forze di Polizia Locale - n. 253 incidenti: n.182 rilevati dalla Polizia Stradale, n. 37 dai Carabinieri e n. 34 dalle Polizie Locali. Nessuno con esito mortale.

Successivamente è stata presentata l’attività della “Fondazione Michele Scarponi”, che ha lo scopo di favorire un’attività di prevenzione attraverso il coinvolgimento delle amministrazioni e dell’opinione pubblica sul dramma della violenza stradale. La Fondazione crea e finanzia nel nome di Michele, ciclista morto a causa di un investimento durante un allenamento, progetti che hanno come fine l’educazione al corretto comportamento stradale e a una cultura del rispetto delle regole e dell’altro. Il Prefetto, che ha avuto modo di conoscere in un convegno recentemente tenutosi a Luino l’impegno della Fondazione, ha auspicato un suo futuro coinvolgimento per iniziative anche in questa provincia. All’ordine del giorno anche la presentazione dell’iniziativa organizzata dall’ACI di Varese che si svolgerà il 25 luglio prossimo all’interno del Varese Summer Festival, in programma dal 14 al 27 luglio nei Giardini di Palazzo Estense.

La manifestazione vuole raggiungere in modo particolare i giovani sensibilizzandoli sui rischi di un comportamento scorretto alla guida. Il programma, ancora allo stato embrionale, prevede un primo momento con l’offerta di un aperitivo, due momenti musicali e brevi interventi “educativi”. Viene prevista anche la presenza delle Forze dell’Ordine con lo scopo di mostrare il ruolo educativo e non repressivo delle stesse. Per meglio definire il programma, è stato creato un gruppo ristretto, presieduto dal Presidente dell’Aci, e composto da rappresentanti della Prefettura, della Polizia Stradale, dei Vigili del Fuoco, della Provincia e da vari Comandi della Polizia Locale. I Rappresentanti della Regione Lombardia e dell’Ufficio Scolastico Territoriale presentano i progetti già attuati o in fase di realizzazione nelle scule, finalizzati a sensibilizzare i ragazzi sulla tematica della sicurezza stradale.

Infine, il Dirigente della Polizia Stradale ha ricordato il progetto “ICARO”, campagna di sicurezza stradale promossa dalla Polizia di Stato e il progetto “INCROCI” – iniziativa di educazione alla legalità sui temi della sicurezza stradale, ferroviaria e sui pericoli connessi all’utilizzo poco consapevole della Rete – promosso dalla Direzione centrale per la Polizia Stradale, Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i reparti speciali della Polizia di Stato, dal Dipartimento di Psicologia dell’Università Sapienza di Roma e dalla Fondazione ANIA, di concerto con la Direzione Generale per lo studente, l’inclusione e l’orientamento scolastico del Ministero dell’Istruzione e del Merito.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-04-2024 alle 19:30 sul giornale del 20 aprile 2024 - 16 letture






qrcode